tr?id=2303390159934708&ev=PageView&noscript=1 Filtri con cicloni per polveri
| Lunedì, 13 Settembre 2021 |
Written by 

Filtri con cicloni per polveri

Filtri con cicloni per polveri Filtri con cicloni per polveri

I filtri con cicloni o cicloni separatori servono per separare le particelle solide (o liquide) dal flusso gassoso immesso in esso.

Questo è possibile grazie alla forza centrifuga sviluppata dal moto vorticoso, che la geometria costruttiva del ciclone stesso impone al flusso gassoso.
Essi vengono dunque utilizzati come trattamento preventivo per l’abbattimento parziale degli elementi inquinanti presenti nell’aria al fine di ridurre il carico di polvere in arrivo al filtro. 
Punti di forza 
Il ciclone separatore è in grado di recuperare gran parte della polvere in ingresso, sfruttando la forza centrifuga, a cui sono soggette le particelle aero-disperse. Un apposito bidone, di facile movimentazione, permette l’accumulo e, quando previsto, anche il recupero e riutilizzo del materiale separato.
Esso rappresenta inoltre un tipo di filtro particolarmente robusto, economico, semplice da installare e trasportare; richiede inoltre una manutenzione minima.
Può essere utilizzato in modo flessibile (considerando diversi elementi come: portate, temperature, tipi di polveri, tipi di cicli industriali).
Inoltre, può essere dotato di sistemi di scarico dedicati compresi di valvole stellari e coclee di trasporto.

Principio di funzionamento
Il flusso d’aria da trattare viene condotto tangenzialmente all’interno del ciclone separatore, accelerato e spinto a descrivere una traiettoria circolare. Per effetto della forza centrifuga, le particelle si separano dal flusso gassoso che le contiene e si distribuiscono conto la parete del ciclone. In seguito, le particelle vengono trascinate dalla forza di gravità verso la parte inferiore del filtro, in cui vengono raccolte.
L'efficienza di separazione dipende da:

  • dimensione media delle particelle (distribuzione granulometrica)
  • peso specifico medio delle particelle
  • velocità del flusso gassoso
  • geometria costruttiva del ciclone

Data la particolarità del funzionamento, è molto importante in fase progettuale definire la portata e la temperatura specifica di utilizzo. Come già accennato, infatti, la granulometria del particolato è tra le variabili che influenzano maggiormente il rendimento del ciclone, il quale risulta più idoneo al trattamento del particolato grossolano.
Per richiedere un preventivo o maggiori informazioni,

Last modified on Lunedì, 13 Settembre 2021