tr?id=2303390159934708&ev=PageView&noscript=1 Quali sono i benefici legati all'abbattimento delle polveri e come fare?
| Giovedì, 12 Novembre 2020 |
Written by 

Quali sono i benefici legati all'abbattimento delle polveri e come fare?

BENEFICI ABBATTIMENTO POLVERI BENEFICI ABBATTIMENTO POLVERI

BENEFICI ABBATTIMENTO POLVERI 

Quali sono i benefici legati all'abbattimento delle polveri e come fare? 

 

Per garantire un’efficace purificazione dell'aria, servono impianti di aspirazione per polveri: apparecchiature composte da condotti e alimentate da uno o più ventilatori che aspirano polveri o altri elementi. 

Negli impianti di abbattimento polveri la scelta del filtro è vincolata alla tipologia delle stesse, dei fumi e delle varie sostanze aspirate oltre ai limiti di emissione stabiliti dalla legge (riferimenti dls 152/2006 e dls 4/2008).

Un parametro fondamentale nella scelta del corretto sistema di abbattimento polveri è l’analisi della qualità della polvere, la quale se rienta nella classificazione ATEX (ossia polvere potenzialmente esplosiva) viene trattata con filtri ATEX corrispondenti ai requisiti delle normative europee ATEX 94/9/CE. 

L'abbattimento polveri è fondamentale e necessario nei processi produttivi dove, oltre ai normali prodotti di lavorazione, vengono prodotte polveri di qualunque tipo. Grazie all'abbattimento, un’azienda e con essa le persone che ci lavorano possono ottenere almeno tre benefici: 

  • Benefici sulla salute

 Chi lavora in un ambiente dove si produce polvere, rischia di respirarla o di venirne in contatto con possibili conseguenze sulla propria salute se non utilizza appositi impianti di aspirazione

  • Benefici organizzativi

 La polvere prodotta dalle lavorazioni, se non raccolta e abbattuta subito, può espandersi all'interno della realtà produttiva occupando spazio e costringendo gli addetti ad un lavoro di costante pulizia. Lavorare in un ambiente in cui la polvere è stata abbattuta sul nascere aiuta a velocizzare e migliorare i processi produttivi.

  • Benefici economici

 In base alla tipologia, la polvere abbattuta e recuperata può essere reinserita nel ciclo produttivo ottenendo un notevole risparmio sull’acquisto di materie prime. 

 

COME fare per abbattere le polveri?

Oltre ad elencarvi i benefici, vi mostriamo come fare nella pratica per risolvere il problema polveri: 

 
Le aree dove si sviluppano le polveri devono essere circoscritte e dotate di un idoneo sistema di aspirazione.

Per la buona riuscita di un impianto di abbattimento polveri, l'aspirazione dovrà essere effettuata il più vicino possibile al luogo di generazione delle stesse fatta eccezione per le macchine dotate di un sistema di captazione interno (in cui basta collegare l'impianto di aspirazione ad una flangia posta sulla macchina e la captazione viene eseguita attraverso cappe, banchi, pareti o cabine aspiranti). 

 

La composizione delle polveri è di fondamentale importanza per la scelta del materiale componente il setto filtrante: poliestere e poliestere antistatico.

NB. Il tipo di materiale aspirato influisce anche sulla realizzazione dell'impianto ATEX: per esempio, polveri di farine cereali o alluminio, per loro natura, sono esplosive e quindi devono essere trattate con appositi prodotti. 

 Quando all'interno del flusso aspirato c'è la presenza di polveri di grosse dimensioni può essere utile pre-filtrare l'aria con un filtro a ciclone, per eliminare dal flusso le particelle più grandi e migliorare le prestazioni del gruppo filtrante.

 

I depolveratori o gruppi filtranti rappresentano il cuore dei sistemi abbattimento polveri: sono i componenti che si occupano di separare fisicamente le polveri dall'aria.
Un sistema di pulizia ad impulsi d’aria compressa, realizzato con valvole a membrana e tubi venturi a duplice azione, pulisce le maniche in modo veloce ed efficiente. La pulizia avviene ad intervalli di tempo regolabili, ma è basata soprattutto sulla differenza di pressione per un risparmio energetico ottimale.

Il getto d'aria compressa, ad una pressione di 6 atm, attraverso i tubi posti sopra le maniche, richiama una quantità d'aria pulita secondaria pari a circa 5 volte il suo volume, producendo un'onda di pressione che percorre l'interno della manica dall'alto verso il basso, staccando così le particelle polverose attaccate all'esterno della stessa.

 

Le polveri vengono scaricate mediante una valvola dosatrice motorizzata e l’aria infine si depura passando all'interno del mezzo filtrante. 

 

Vuoi saperne di più sui nostri impianti?